Cari Colleghi,

perdonerete se ancora Vi importuno.

Oggi, 28 aprile, ricorre il quarantaquattresimo anniversario dell’assassinio dell’avv. Fulvio Croce, Presidente all’epoca dell’Ordine di Torino, nominato difensore d’ufficio dei capi storici delle Brigate Rosse, a Torino sotto processo per i crimini loro addebitati, che avevano revocato i propri difensori di fiducia, come forma di rifiuto della giustizia borghese. Il fatto è noto ma mi sembra giusto ricordarlo ogni anno, soprattutto per i più giovani tra di noi, di modo che il sacrificio dell’Illustre Collega rimanga nel patrimonio di conoscenza dell’ Avvocatura, perché non si dimentichi che cosa vuol dire essere avvocati e lo si rammenti nel corso dell’attività quotidiana.

Ritengo doveroso quindi,  che tutti noi ci stringiamo idealmente ai Colleghi torinesi insieme a tutti coloro che, pur in questi momenti bui, continuano a credere in quei valori il cui rispetto ha spinto il Presidente dell’Ordine di Torino ad affrontare   coscientemente quel rischio che lo portò alla morte quarantaquattro anni fa.

La migliore delle giornate possibili.

 

IL PRESIDENTE

Avv. Claudio MASSA

Condividi:

Twitter Facebook