Effetti della Sentenza della Corte Costituzionale, in tema di mediazione, del 24.10.12

Abolizione della mediazione “obbligatoria”. Sopravvivenza della sola mediazione facoltativa.

Si porta a conoscenza di Colleghi e utenti che, in ossequio alla recentissima pronuncia della Corte Costituzionale 23.10.12, si ritiene non esistano più, dal 24 ottobre us, mediazioni “obbligatorie”.

Le mediazioni che fossero per ipotesi ancora depositate successivamente a tale data saranno pertanto da qualificarsi esclusivamente come facoltative, con quel che ne consegue sotto il profilo dei relativi oneri economici a carico delle parti (pagamento integrale dell’indennità, senza alcuna riduzione).

 

Naturalmente, per quelle invece già depositate nel previgente regime di obbligatorietà, nulla cambierà sotto il profilo delle indennità da corrispondere all’ ODM e pertanto non verrà richiesta alcuna integrazione per ricondurle al regime di quelle facoltative.

 

Alcune istruzioni operative per le parti che non vogliono più dare corso alla mediazione

  • Se le parti intendono, dopo che l’ODM ha fissato l’udienza di svolgimento della mediazione e prima di essere comparse davanti al mediatore, revocare (con istanza scritta) la loro domanda di mediazione o di adesione alla medesima, sono comunque tenute, stante l’attività dalla Segreteria dell’ODM svolta, al pagamento delle spese di avvio del procedimento, di cui non possono più chiedere la restituzione.
  • Qualora le parti ritengano di non dare più ulteriore impulso alla procedura di mediazione già avviata, e per la quale siano già comparsi davanti al mediatore, vorranno darne cortesemente notizia per iscritto alla Segreteria dell’ODM, esplicitando la loro volontà di rinunciare ad ogni ulteriore attività. Naturalmente, in questa ipotesi, stante l’attività già svolta dalla Segreteria e dal mediatore, non si darà corso ad alcuna restituzione di somme.

 

  • Se le parti hanno versato le sole spese di avvio del procedimento, ma non intendono più dare corso alla domanda di mediazione, possono – se non hanno depositato la domanda di mediazione o la dichiarazione di adesione – chiedere (con domanda scritta) la “restituzione di quanto versato, in quanto erroneamente corrisposto” (In tale ipotesi, non essendo stata depositata alcuna domanda di mediazione o adesione e non essendosi radicato alcun procedimento, nulla è dovuto all’ODM).

 

  • Se le parti ritengono di non voler dare ulteriore corso alla mediazione, possono, “sfruttando” l’eventuale contumacia del chiamato, chiedere la restituzione di quanto corrisposto, con esclusione delle spese di avvio del procedimento (€ 40 + IVA per il primo scaglione ed € 50+ IVA per gli scaglioni successivi) così utilizzando la procedura consueta per le mediazioni “contumaciali”.

 

Ci si riserva di integrare quanto sopra in ragione dei problemi attuativi che via via si presenteranno.

 

Il Segretario dell’ODM

(Avv. Paolo Russo)

 

 

Commenti chiusi