Circolare del Presidente Avv. STRERI

Cari Colleghi

ripensando alla oceanica – e quindi storica – assemblea di ieri 9 marzo 2017 voglio  condividere due considerazioni.

La partecipazione, evidentemente  drogata dalla promessa dei crediti, mi ha però dato comunque soddisfazione, perché ha permesso al Consiglio di raccontarsi e di parlare del proprio lavoro, per una volta, con una platea ampia e che mi è parsa attenta e partecipe.

La nostra è una professione individualista e intrisa di soggettivismo; siamo soli quando affrontiamo  i problemi dei nostri assistiti, studiamo , cerchiamo soluzioni; proprio per questo è importante che ciascuno di noi sappia che la sua solitudine di professionista alle prese con la propria coscienza e responsabilità è  uguale alle solitudini dei colleghi, ed è questo che ci unisce.

La colleganza è l’insieme delle solitudini e l’Ordine  è il coagulo  che deve dare forma e rappresentanza alle loro esigenze  ma anche ai doveri ed ai valori della professione.

Per questo è necessario , anche solo una volta l’anno, trovarsi e capire ciò che ci unisce , ciò che ci dà identità e funzione.

Anche senza crediti formativi.

Buon lavoro e buona fortuna a tutti noi.

Claudio STRERI